XCO RIO 2016

Spettacolare la prova XCO maschile di ieri a Rio per assegnare le medaglie olimpiche di specialità. L’oro va a Nino Schulter con il nostro Marco Aurelio Fontana fuori dai giochi subito, causa una foratura.

Spettacolare il percorso di gara, interamente artificiale, con passaggi molto tecnici sia in discesa che in salita reso ancora più impegnativo dalla pioggia caduta nella notte.

Vi lascio al bellissimo video del preview della gara visto che in rete è ancora difficoltoso reperire gli highliths.

 

tomas.z

Scuola MTB Oltrefersina

Pergine Valsugana, 14 agosto 2016

E arriva la trasferta, quella lontana, quella tra le montagne; la trasferta che consegnerà al Team Bussola Mud&Rock il primo premio del neo circuito Young MTB Tour: un insieme di 7 gare (di cui una annullata) che ha unito e messo anche un po’ a confronto il settore giovanile della mountain bike delle province di Verona, Vicenza e Trento.

Con le aspettative che inevitabilmente crescono quando ci si reca in un luogo nuovo arriviamo a Pergine Valsugana. Appuntamento al palaghiaccio dove è allestita la grande festa di Ferragosto e dove ci raggiungono i maestri Giorgio, Paolo, Marco ed Elisa impegnati già dal primo mattino con i ragazzi più grandi in gara nella prova XC aperta a tutte le categorie.

IMG-20160814-WA0008.jpg

Insieme ad alcuni protagonisti come Marta, Davide ed Enrico, ci raccontano del bellissimo bike park della scuola di MTB Oltrefersina dove si è snodato parte del loro circuito di gara, in uno scenario davvero suggestivo. Un tracciato di gara impegnativo, tecnico, caratterizzato anche da una salita non da poco. “Un percorso tutto da guidare” lo definisce il maestro Zini.

20160814_201612.jpg

E i nostri campioni grandi si confermano ancora una volta all’altezza dell’impegnativa prova.

Noi non possiamo nascondere un po’ di delusione quando realizziamo che i giovanissimi non gareggeranno nel favoloso bike park e un po’ di smarrimento prende il sopravvento quando giungono notizie che la gara si svolgerà nell’area antistante il palaghiaccio: siamo in largo anticipo sull’orario di ritrovo e i tracciati di gara ancora non ci sono. Ma in men che non si dica forzuti uomini stagliano nel cielo turchese con sottofondo verde smeraldo un arco giallo sole. Piantano paletti, srotolano e fissano fettucce, e infine decidono di agevolare con un asse il secondo passaggio nel torrente Fersina evitando così che le ruote da 20 pollici si incastrino giuste giuste nel guado. E dopo qualche variazione ne escono due tracciati di gara di tutto rispetto.

IMG-20160814-WA0002.jpg

Inizia la musica e ci dà il benvenuto la voce radiofonica dello speaker Alfio: una voce, una garanzia. Informazioni tecniche si alternano ad interessanti nozioni culturali inerenti la vivace borgata di Pergine Valsugana, le sue origini, le sue bellezze come il castello medioevale, Castel Pergine, una fortificazione che domina tutta l’Alta Valsugana, oltre ad una stupenda Natura, nomi di monti, di laghi e di fiumi ci raccontano il magnifico quadro in cui ci troviamo collocati.

E alle 16.30 c’è lo start della prima categoria: partano i Promozionali. A seguire le categorie dalla G1 alla G6, prima i maschi e con un ritardo di 15 secondi circa le femmine della rispettiva categoria. I giri da compiere vanno in base al numero di categoria, per cui i G1 compiono un giro, i G2 due giri e così via, con una variate di percorso dalla categoria G4 in poi in cui è stata inserita una ripida discesa terminante con una curva a sinistra. Il percorso di gara è completamente sterrato, per lo più su erba con un passaggio nella fresca acqua del torrente Fersina, un affluente del nostro Adige, ci spiega lo speaker. E il torrente Fersina con la sua cascatina sarà un formidabile, ineguagliabile, grandioso parco giochi: complice il sole splendente e caldo e la voglia di refrigerio, i ragazzi dai più piccini ai più grandi si divertiranno immergendosi letteralmente nella Natura.

In questo contesto gioioso alquanto originale la gara passa quasi in secondo piano. Ma come sempre, i nostri giovani atleti dopo aver provato innumerevoli volte il circuito, in griglia ritrovano la concentrazione e in gara danno il massimo.

Bravissimi tutti.

Le gare sono terminate già da un po’ e i nostri atleti non vogliono saperne di risalire dal fiume.

Alla fine la promessa di una fetta di torta al cioccolato farà miracoli!

Andrea Foroni festeggia con un paio di giorni d’anticipo il compleanno: 9 anni e qui tra le montagne si regala, e ci regala, un’altra splendida vittoria.

Smontato l’accampamento, quest’oggi il gazebo è stato egregiamente sostituito da piante ad alto fusto, ci dirigiamo alla festa di Ferragosto per le premiazioni e per la cena.

Croccanti, squisite mele per tutti gli atleti sono il premio più originale e anche il più tipico.

E le mele non mancano nemmeno nel premio più prestigioso, quello che ufficializza il Team Bussola Mud&Rock come vincitore del circuito Young MTB Tour. Una conquista, questa, ottenuta grazie al punteggio conseguito dagli atleti nelle sei gare in calendario. Una conquista ottenuta, quindi, grazie alle vittorie, ai piazzamenti e a tutti i punti realizzati da ogni singolo atleta tagliando il traguardo.

Una conquista raggiunta grazie al lavoro, alla dedizione e alla passione per questo sport dei maestri del team. Ed è anche una conquista di chi sostiene la squadra: i genitori, le famiglie intere, gli sponsor, il Presidente.

In questo clima gioioso forse le sconfitte, la sfortuna, le delusioni che inevitabilmente fanno parte della vita di ogni atleta vengono attutite se non dimenticate. Ed è giusto così: imparare dagli errori e buttarsi alle spalle la delusione per ritrovare nuova energia, nuovo entusiasmo per…crescere.

Di questa grandiosa stagione agonistica e di questo anno di scuola vorrei però ricordare ciò che di negativo non può essere cancellato con un sorriso, con un premio o con una pacca sulla spalla. È l’infortunio quando ha importanti conseguenze. Vorrei che giungesse a Matteo Menegazzi e a tutta la sua famiglia la nostra solidarietà. Matteo, come ricorderete, era caduto in gara a Monteforte d’Alpone. Quella che sembrava solo una botta al ginocchio dopo diversi esami clinici si è rivelata essere cosa più grave. La prognosi è: rottura del crociato anteriore, menisco mediale fessurato e microfrattura alla punta della tibia. Ora Matteo, dopo aver portato il tutore per 20 giorni, deve iniziare la rieducazione conservativa per essere operato tra almeno due anni.

Forza Matteo!

tomas.z

L’Eroica….ci stiamo preparando

Un lento organizzarsi, mettere a punto i nostri vecchi gioielli a due ruote, pensare a che cosa potrebbe creare un problema meccanico o di qualsiasi altra natura, ricercare un luogo in cui soggiornare per un paio di giorni nel fantastico territorio Senese… e tutto questo che procede lento, senza ansia da prestazione ma con il  desiderio di  passare due splendide giornate in compagnia di amici e appassionati da tutto il mondo che si ritrovano a Gaiole in Chianti per assaporare un clima di altri tempi e condividere fatica e gioia allo stesso tempo.

Un territorio a contorno di tutto che se non si vive in prima persona, diventa difficile da raccontare.

Provate a guardare il viso delle persone che sono rirese in questo video….basta questo per raccontare davvero cos’è L’Eroica

 

Noi (Tomas e Gualtiero), siamo pronti , iscritti ed in attesa di tornare a Gaiole e voi? Pensateci… è un’emozione che val la pena di essere vissuta!

tomas.z

 

La vecio Ferrovia

Anche qui Bussola Mtb Racing Team presente!!!!

Rolando ci scrive:

Ciao Tomas, Vecia Ferovia!!! gara sofferta dall’inizio alla fine!! Per 3/4 di gara in compagnia dell’ Ago Andreis, purtroppo nel finale pago crampi e una condizione che sta calando. Porto a casa omumque un 57esimo posto assoluto e 6 di cat…..peccato premiassero i primi 5. Vabbè ora due settimane di ferie nella mia valle di Fiemme e chi volesse fare un giro in😎 mtb in compagnia basta accordarci.

 Ciao

Complimenti  al nostro atleta Rolando che continua a regalarci risultati di prestigio da inizio stagione.
tomas.z

Master Mtb a Castiglione…

Dal nostro inviato in gara Rolando… 

Castiglione D.S., Master mtb, sabato pomeriggio, 34gradi, percorso veloce, ritmi tiratissimi che non lasciavano spazio a recupero e con due strappi durissimi. 5 giri.

Gara di coppia con Marco Veneri ma nell’ultima tornata arrivavano i crampi e ho dovuto mollare un pelo. Marco era in palla. Team Bussola da spettacolo anche con le cat. giovanili.

 

 

 

Ne esce una vittoria con Rolando e un terzo posto con Marco…. e il nostro portacolori per la categoria M3 conserva la maglia di leader del circuito!

Ragazzi complimenti per grinta e tenacia… con questo caldo non è facile!!!
tomas.z