Una storia che viene da lontano….

Un inizio umile

Una sera, quando avevo dodici anni, tornando a casa dal lavoro mio padre mi disse che presto avremmo comprato delle biciclette. Lui ed io eravamo in procinto di fare una lunga gita insieme.

“Va bene, papà,” gli dissi.

Lungo la strada per recarci a scegliere le nostre nuove biciclette, mi confidò di avere incontrato un ragazzo di nome Bevil Hogg, un sudafricano titolare di un negozio di bici a Madison, Wisconsin. Bevil cercava qualcuno che investisse nella sua attività. In quel momento, l’unica cosa che avevo in mente era la mia bicicletta e in realtà non prestai molta attenzione a ciò che mi disse mio padre. Arrivati al negozio, comprammo due biciclette, alcuni accessori e un paio di mappe. Mio padre mi comunicò che la settimana successiva saremmo partiti da Beaver Lake, dove abitavamo, per recarci a Fond du Lac, affrontando anche il ritorno.

Si trattava di un bel percorso, attraverso le colline e le valli della regione del Kettle Moraine. In precedenza, non credo di aver mai pedalato in sella alla mia bici per più di dieci miglia di seguito, e ora stavamo per avventurarci su un percorso di settanta miglia in un solo giorno! Non ricordo molto di quella gita, ad eccezione del fatto che durante il primo giorno caddi attraversando i binari della ferrovia e che percorrendo una strada molto trafficata un semi articolato mi scaraventò quasi fuori strada. Il secondo giorno facemmo una sosta in un bar appena fuori Monches. Prima di risalire sulle bici per tornare a casa ricordo di essermi gustato una bibita mentre mio padre si fece un paio di birre. Ci siamo divertiti molto.

Non molto tempo dopo la gita, mio padre mi disse di aver comprato insieme a Bevil un negozio di bici proprio a Madison: lo Stella Bicycle Shop. Lui amava il mondo degli affari ed era sempre alla ricerca di grandi opportunità. La decisione di perseguire il suo interesse per le biciclette nacque quando il destino lo fece incontrare con Bevil Hogg su un aereo.

Al primo Stella Bicycle Shop di Madison ne seguì un secondo, questa volta a Champaign, Illinois. Mio padre ha sempre pensato in grande: la sua idea era quella di creare una catena nazionale di negozi di biciclette in città universitarie. Un vero problema, però. Non funzionò. I negozi perdevano soldi e mio padre e Bevil decisero di chiudere nell’autunno del 1975. Lui e Bevil avevano imparato che per avere successo non potevano vendere bici di tutte le marche ma dovevano vendere qualcosa di speciale. In quel periodo, nessuna delle marche più affermate era in vendita nei negozi. La soluzione fu quella di creare un marchio di biciclette tutto loro.

In quel momento, negli Stati Uniti nessuno costruiva bici di livello veramente alto. Bevil pensò che invece di limitarsi all’attività di rivenditore, avrebbe potuto produrre direttamente biciclette di fascia alta made in Usa. Schwinn vendeva biciclette di fascia bassa e bici per bambini mentre altri commercializzavano mezzi di fascia alta realizzati in Europa. Nessun prodotto a partire dalla fascia di prezzo medio sino al top di gamma era realizzato in America. È qui che è nata un’idea unica, qualcosa di completamente diverso.

John Burke
Presidente di Trek Bicycle

Atre info al link Trek.

 

tomas.z

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...